BANDO IN METAMORFOSI
Selezione progetti di residenza per IN METAMORFOSI 2019

Scadenza presentazione candidatura: 28 gennaio 2019

here the english version

 

PREMESSA

Da molti anni il Teatro del Lemming ha individuato nella residenza artistica la forma ideale per ospitare, programmare e documentare processi di lavoro nell’ambito della ricerca teatrale. Nel triennio 2018-2020, il Teatro del Lemming è stato roconosciuto come una delle tre Residenze Artisti nei Territori della Regione Veneto ed è titolare del progetto IN METAMORFOSI. Residenze per la ricerca teatrale.

Il progetto prevede l’ospitalità di gruppi in residenza secondo due assi:

  • Sostegno ad artisti e gruppi locali e regionali, operanti nella sperimentazione dei linguaggi scenici;
  • Individuazione di giovani realtà emergenti a livello nazionale ed europeo che lavorano attorno alla sperimentazione dei linguaggi scenici con una particolare attenzione alla pratica del Teatro dello spettatore.

Per il primo asse, i gruppi verranno selezionati su scelta diretta della direzione artistica; mentre per il secondo asse ogni anno verrà realizzato un bando di selezione.

OGGETTO DELLA CALL

Con questa call il Teatro del Lemming indice un Bando d'invito alla partecipazione rivolto a giovani gruppi o singoli artisti italiani ed europei dediti alla sperimentazione dei linguaggi scenici con particolare attenzione, non esclusiva, alla pratica del Teatro dello spettatore.

Definiamo Teatro dello spettatore un teatro che:

  1. si configura per lo spettatore come una esperienza profondamente emotiva;
  2. esce dalla mera rappresentazione per divenire esperienza di un evento: io non assisto a qualcosa ma la vivo;
  3. si rivolge non ad una massa anonima (il pubblico) ma a ciascun partecipante (lo spettatore);
  4. ridefinisce perciò i ruoli attore/spettatore, stabilendo nella loro relazione diretta il fuoco dell’esperienza;
  5. sgancia lo spettatore teatrale dal ruolo voyeuristico a cui l’aveva consegnato il teatro ottocentesco, tanto più che essere spettatori passivi ed impotenti è divenuto paradigma della nostra stessa condizione di cittadini;
  6. elude perciò la passività dello spettatore, rendendolo, il più possibile, attore dell’evento: Il momento politico per eccellenza è quell'atto capace di trasformarci da spettatori in attori di un evento (Zygmunt Bauman, La società sotto assedio);
  7. rende l’evento teatrale irripetibile, unico e personale per ogni partecipante;
  8. costruisce dei piccoli riti: poiché propone il ritorno al significato rituale, sacro e di conoscenza che è anche il tratto fondativo dell'esperienza teatrale;
  9. ritorna ad una pratica teatrale originaria in grado di iniziare le persone a divenire cittadini del mondo;
  10. pensa alla pratica dell’attore come ad un dono d’amore verso lo spettatore, con tutta la messa in gioco, il denudamento reciproco ed il rischio strutturale che questa offerta comporta;
  11. ridefinisce lo spazio teatrale: lo spettacolo non è più davanti, ma esso circonda, sovrasta, abita, e lo spettatore lo vive come un mondo dentro il quale è precipitato;
  12. ridefinisce il tempo dell’esperienza: esso ha inizio per lo spettatore dal momento in cui si avvicina all’evento e si dilata nella lunga inevitabile elaborazione che segue.

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Il bando si rivolge a singoli o gruppi di professionisti del teatro e delle arti performative, italiani ed europei, strutturati in una qualsiasi forma giuridica. Sono ammessi alla selezione progetti di residenza che realizzino una sperimentazione dei linguaggi scenici secondo i punti sopra richiamati.
Ciascun artista o formazione potrà realizzare durante il periodo di residenza:

  1. Sessioni di prove su nuove produzioni;
  2. Workshop aperti ai giovani del territorio;
  3. Azioni teatrali e/o performative all’aperto.

Sarà in ogni modo obbligatorio prevedere al termine della residenza un momento di restituzione del proprio lavoro aperta al pubblico.

TUTORATO

Durante il periodo di residenza, gli artisti saranno seguiti da diverse tipologie di tutorato artistico.
Da una parte, Massimo Munaro, direttore artistico del Teatro del Lemming, seguirà l’evolversi della residenza, monitorando lo sviluppo dei progetti artistici. Dall’altra, durante una o più giornate di lavoro, saranno invitati un critico e/o uno studioso e/o un artista e/o un operatore teatrale nazionale, che avranno la possibilità di conoscere gli artisti in residenza, di approfondire il loro percorso artistico e di osservare l’evoluzione del processo creativo. Oltre ad aiutare gli artisti ospitati nello sviluppo delle loro idee progettuali, il fine del tutorato artistico sarà anche quello di creare delle occasioni di incontro, confronto e passaggio dei saperi tra una generazione teatrale e un’altra. 

PER PARTECIPARE

I candidati dovranno inviare la richiesta di partecipazione composta da:

  • curriculum artistico della compagnia o dell’artista;
  • scheda artistica e scheda tecnica del progetto di residenza;
  • link a materiale video inerente alla poetica del gruppo o dell’artista.

È necessario inviare la proposta di partecipazione, insieme ai link video, per e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando nell’oggetto “domanda per Residenze 2019” entro e non oltre le ore 24.00 del 28 gennaio 2019. È necessario che i materiali video siano visionabili direttamente online (attraverso un link) e non prevedano la necessità di download. Non si accettano altre modalità di invio.
I partecipanti al bando autorizzano, ai sensi della Legge 196/2003 e del GDPR –  Regolamento Europeo n. 2016/679, il trattamento anche informatico dei dati personali e  l’utilizzo delle informazioni inviate per tutti gli usi connessi al bando.

PROCESSO DI SELEZIONE DEI PROGETTI

La selezione avverrà in due fasi: la prima sui materiali inviati dal candidato; la seconda  attraverso un incontro diretto con gli artisti selezionati.
La selezione dei progetti è affidata al giudizio insindacabile della direzione artistica del  Teatro del Lemming. Con l’invio della propria candidatura i partecipanti al bando autorizzano, l’uso delle immagini delle opere inviate, per la comunicazione e le pubblicazioni legate all’iniziativa.

PUBBLICAZIONE DEI RISULTATI

Saranno contattati esclusivamente i referenti dei progetti selezionati.

CONDIZIONI ECONOMICHE

I progetti selezionati saranno inseriti all’interno del programma In Metamorfosi. Residenze per la ricerca teatrale, realizzato grazie al sostegno del MiBac e della Regione Veneto.
A ciascun gruppo selezionato sarà garantito, oltre che un sostegno economico da concordare, la possibilità di fruire degli spazi in gestione della Compagnia per un periodo di almeno 15 giorni. A seconda del progetto presentato, la residenza potrà essere realizzata in un unico periodo o divisa in più momenti di uno stesso anno. Il Teatro del Lemming metterà a disposizione degli artisti il materiale tecnico, l‘assistenza in loco e una foresteria ove poter soggiornare.

VINCOLI

I candidati selezionati si impegnano a:

  • favorire una corretta promozione della residenza e del progetto IN METAMORFOSI tramite i loro canali (sito web, social, ufficio stampa, ecc.);
  • rispettare le prassi del Teatro Studio riguardo modalità e orari di utilizzo dello spazio.

La partecipazione al bando implica l’accettazione integrale di questo regolamento.
L’organizzazione si riserva il diritto di decidere su questioni non previste dal presente  regolamento.
 

clicca qui per la versione in pdf

 

Lemming

Teatrodellemming.it usa i cookies per il login, la navigazione e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies